14,926 Works

Mineral consolidants

George W. Scherer & Enrico Sassoni
Inorganic consolidants, such as ethyl silicate, nanolime and ammonium oxalate, have proven to be effective for certain materials, but each has its drawbacks. This has recently led to the investigation of hydroxyapatite (HAP) as a novel inorganic consolidant, which demonstrated excellent performance on carbonate stones. Considering that a mineral that matched calcite crystal lattice parameters even more closely than HAP would be expected to provide a consolidating action even greater than HAP, in this study...

Consolidation of sugaring marble by hydroxyapatite: some recent developments on producing and treating decayed samples

Enrico Sassoni, Gabriela Graziani, Elisa Franzoni & George W. Scherer
Consolidation of sugaring marble (i.e., marble affected by granular disaggregation) still lacks fully effective solutions. Consequently, the use of an innovative phosphate-based treatment, aimed at bonding calcite grains by formation of hydroxyapatite at grain boundaries, has recently been proposed. In this paper, firstly a novel method for producing artificially decayed marble samples, by contact with a heating plate, is proposed. Then, some results are presented about the effectiveness and the compatibility of two different formulations...

Preliminary study on the use of ammonium phosphate for the conservation of marble-imitating gypsum-stuccoes

Enrico Sassoni, Gabriela Graziani, George W. Scherer & Elisa Franzoni
In this study, a novel method for consolidation and improvement of resistance to water of gypsum-stuccoes was preliminarily investigated. The idea is treating gypsum with an aqueous solution of diammonium hydrogen phosphate (DAP, (NH4)2HPO4) to form hydroxyapatite (HAP, Ca10(PO4)6(OH)2), which has much lower solubility than gypsum. Tests carried out on gypsum paste samples, manufactured to resemble historic stuccoes, showed that, after treatment with the DAP solution, a significant improvement in mechanical properties was achieved and...

Lo sguardo disperso. Vedere l’opera nell’epoca dei musei smemorati

Micla Petrelli
Questo saggio è una riflessione sul funzionamento del museo contemporaneo e, in particolare, sulle dinamiche percettive che l’installazione, l’opera interattiva o multimediale instaurano con il fruitore, in relazione allo spazio che li contiene. La scomparsa dello sguardo concentrato, a favore di una visione dispersiva, atmosferica e avvolgente fa sì che all’interno del museo oggi si consumi un’esperienza emozionale, fatto non più solo peculiare dei memoriali. Il museo progetta un’esperienza visiva e corporea delle opere più...

Sandra Teroni, "Da una modernità all’altra. Tra Baudelaire e Sartre", Marsilio 2017. Dialogo tra Ignazio Cannas e l'autrice

Ignazio Cannas & Sandra Teroni
Ignazio Cannas, psicoanalista, dialoga con Sandra Teroni in occasione della pubblicazione del suo libro Da una modernità all’altra. Tra Baudelaire e Sartre (Marsilio 2017). I temi trattati sono in particolare: una irrisolta oscillazione dell’artista e dell’essere umano fra ricerca di una forma in cui dare voce alle emozioni e attiva presenza nella storia; il senso di quelle che l’autrice chiama “figure del disincanto” - l’evasione, l’erranza, lo straniero, il naufragio e la palude - che...

Scuola Estiva Strumenti Digitali per Umanisti

Enrica Salvatori & Vittore Casarosa
Resoconto sulla la Scuola Estiva su “Strumenti digitali per umanisti”, organizzata a Pisa dal 12 al 16 giugno 2017, dall’AIUCD (Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale) in collaborazione con il Laboratorio di Cultura Digitale (LabCD) e il Corso di Laurea in Informatica Umanistica dell’Università di Pisa, e con l’Istituto di Linguistica Computazionale del CNR (CNR-ILC).

DanteSources: a Digital Library for Studying Dante Alighieri’s Primary Sources

Valentina Bartalesi, Carlo Meghini, Daniele Metilli, Paola Andriani & Mirko Tavoni
We present DanteSources, a focused Digital Library that aims at building innovative services supporting scholars in creating, evolving and consulting a digital encyclopaedia of Dante Alighieri’s works. DanteSources is endowed with Web services that allow extracting and visualizing data about Dante Alighieri’s primary sources, i.e. other authors’ works which Dante referred to in his own works. The heart of the digital library is a knowledge base built on an ontology that was developed in the...

Il Codice Pelavicino tra edizione digitale e Public History

Enrica Salvatori, Roberto Rosselli Del Turco, Chiara Alzetta, Chiara Di Pietro, Chiara Mannari & Alessio Miaschi
Il Progetto Codice Pelavicino Digitale ha come obiettivo la pubblicazione di un’edizione digitale, liberamente accessibile online, di questo importante manoscritto del XIII secolo. Nel presente articolo si intende da un lato evidenziare le caratteristiche dell’edizione ed i principali problemi che si sono dovuti affrontare, dall’altro presentare il modo in cui si è arrivati alla scelta del digitale all’interno di un ambiente, quello delle Accademie, degli Archivi ecclesiastici e degli storici locali, in genere molto restio...

The Gra.fo project: from collection to dissemination

Silvia Calamai & Francesca Biliotti
Oral archives collected by professional scholars and ordinary people interested in dialects and ethnology are a precious resource for various fields of study (from linguistics to anthropology, from economy to history and politics, etc.) and may contain documents that could be labeled as products of intangible cultural heritage, thus deserving safeguard. Grammo-foni. Le soffitte della voce (Gra.fo), a two-year project jointly conducted by Scuola Normale Superiore and the University of Siena (Regione Toscana PAR FAS...

Le trame invisibili. Nuove modalità di esplorazione online dell’Archivio storico della psicologia italiana

Letizia Bollini, Dario De Santis, Sara Radice & Paola Zocchi
L’articolo presenta le modalità di visualizzazione dei contenuti e delle reti di relazioni del portale web del Centro interdipartimentale di ricerca Aspi - Archivio storico della psicologia italiana (Università di Milano-Bicocca). Nato nel 2005, il Centro si occupa di conservazione, inventariazione, digitalizzazione e valorizzazione delle carte di psicologi e psichiatri dell’Otto e Novecento. Tramite il portale www.aspi.unimib.it1, mette a disposizione le fonti documentarie corredate da apparati critici e schede di contestualizzazione storico-scientifica che permettono di...

Digital Humanities and Society: an impact requiring ‘intermediation’

Carla Basili, Grazia Biorci & Antonella Emina
Impact and sustainability are the leitmotiv of current Research Policies in Europe. Science is required to show its positive socio-economic influence on Society, and Humanities Research is not exempted from this requirement. Within this context, Digital Humanities might enhance the external impact of Humanities Research, more specifically the commitment to public engagement, by means of strategic opportunities offered by digital techniques. To pursue this objective, intermediation seems necessary in order ‘to switch Humanities on’ within...

Linked Cultural Objects: dagli standard di catalogazione ai modelli per il web of data. Spunti di riflessione dalla Fototeca Zeri

Marilena Daquino & Francesca Tomasi
L’articolo intende riflettere sulla necessaria ibridazione fra le discipline che si occupano della descrizione del patrimonio culturale, in particolare nell’ottica della valorizzazione attraverso le tecnologie del Web Semantico. Solo attraverso la condivisione di dati e la costruzione di mutue relazioni fra oggetti culturali la prospettiva dei Linked Open Data può diventare autenticamente efficace e trasformarsi in un veicolo di trasmissione della conoscenza. Un esempio condotto sull’Archivio fotografico della Fondazione Zeri esemplifica il ragionamento su modalità...

Un caso di integrazione tra Public History, Cultural Heritage e Digital Humanities: l’Archivio storico della Pontificia Università Gregoriana e il progetto Clavius@school

Lorenzo Mancini & Irene Pedretti
L’Archivio storico della Pontificia Università Gregoriana (d’ora in avanti APUG) ha intrapreso un percorso di ricerca intorno al carteggio di Cristoforo Clavio (1538-1612), una delle raccolte epistolari più importanti che conserva. Ad arricchire il progettoClavius on the web si è aggiunto il coinvolgimento di docenti e studenti di tre licei romani: il Liceo Ennio Quirino Visconti, il Liceo Virgilio e il Liceo Aristofane. Questo nuovo modulo del progetto è stato denominato Clavius@school. L’articolo, dopo aver...

ALIM ieri e oggi

Edoardo Ferrarini
Il progetto ALIM (Archivio della Latinit. Italiana del Medioevo) intende offrire alla libera consultazione online tutti i testi in latino composti in Italia nel corso del medioevo. Il latino rappresentó, infatti, per molti secoli la sola lingua in cui ebbero espressione scritta molte delle principali creazioni del pensiero, della scienza e della letteratura del medioevo, oltre che la documentazione storica; anche quando si affermarono nella scrittura le lingue nazionali, il latino non perse mai la...

Introduzione

Roberto Rosselli Del Turco
Il IV Convegno annuale dell’Associazione Italiana di Informatica Umanistica e Cultura Digitale, avente per tema “Digital Humanities e Beni Culturali: quale relazione?”, si è svolto a Torino nel dicembre del 2015. Nell’intenzione degli organizzatori, si doveva porre come punto d’incontro fra il mondo delle Digital Humanities e quello dei beni culturali (Cultural Heritage), constatando come da tempo quest’ultimo faccia uso di strumenti e metodologie di area DH, ma senza che si sia instaurato un rapporto...

Una nuova avventura

Fabio Ciotti
Decidere oggi di avviare un nuovo progetto editoriale, un nuovo giornale, potrebbe sembrare una scelta azzardata, una concessione all’autocompiacimento, una inutile dispersione di risorse intellettuali e finanziarie. Il panorama dell’editoria scientifica italiana, fin troppo affollato e caratterizzato da localismo geografico e disciplinare, e il contesto istituzionale e accademico, soprattutto in ordine alle procedure di valutazione dell’attività e della “produzione” scientifica, suggerirebbero senz’altro di astenersi da una simile impresa. Cionondimeno, l’Associazione per l’Informatica Umanistica e la...

Pretérito perfecto simple y pretérito perfecto compuesto en las gramáticas de Juan de Miranda y de Lorenzo Franciosini

Carmen Castillo Peña & Félix San Vicente
Resumen En este trabajo se describe y analiza la descripción del pretérito perfecto simple (PPS) y del pretérito perfecto compuesto (PPC) en dos textos de gran influencia en la historia de la tradición gramatical del español en Italia: Las Osservationi della lingua castigliana (Venezia, Giolito, 1566) y la Gramatica spagnola e italiana (Venezia, Sarzina, 1624), respectivamente de Giovanni Miranda y Lorenzo Franciosini. Tras la presentación de los datos más relevantes de cada gramática se analizará...

The economic potential of mushrooms in an artificial Pinus nigra forest

Pamela Leonardi, Simone Graziosi, Alessandra Zambonelli & Elena Salerni
Mushroom community in artificial Pinus nigra forest in Amiata mount (Tuscany, Italy) was described. 3220 fruit bodies belonging to 106 different species were found during five surveys from autumn 2014 to spring 2015. The biodiversity indices and the dominance–diversity curves indicate a discrete fungal diversity with the dominance of few species. Edible mushrooms such as Hydnum repandum, Lactarius deliciosus, L. sanguifluus, Suillus granulatus S. luteus and truffles (Tuber aestivum, T. borchii and T. macrosporum) were...

Resource Types

  • Text
    14,915
  • Dataset
    9
  • Interactive resource
    2

Publication Year

  • 2017
    584
  • 2016
    1,002
  • 2015
    1,086
  • 2014
    1,179
  • 2013
    2,026
  • 2012
    1,219
  • 2011
    1,025
  • 2010
    1,370
  • 2009
    994
  • 2008
    757
  • 2007
    920
  • 2005
    279
  • 2004
    270
  • 2003
    296
  • 2000
    227