18,548 Works

Voltaire, Storia dell'affermazione del cristianesimo (1776), a cura di Domenico Felice

Voltaire François-Marie Arouet
Tra gli ultimi testi mandati alle stampe da Voltaire, l’Histoire de l’établissement du christianisme (1776) offre al lettore la migliore sintesi possibile del suo pensiero in materia di religione. Scritto in uno stile tanto chiaro e veloce quanto denso e appassionato, questo breve testo ripercorre tutti i temi che avevano alimentato la riflessione del filosofo francese per più di mezzo secolo: le umili origini del cristianesimo, gli stretti legami di Gesù e dei suoi primi...

La logica del vivente in Maupertuis: dall’attrazione newtoniana al determinismo psicobiologico

Federico Focher
Dopo aver rilanciato con successo la teoria epigenetica della generazione, reinterpretata alla luce dell’attrazione newtoniana e delle affinità chimiche ("Vénus physique", 1745), Pierre-Louis Moreau de Maupertuis (1698-1759) approfondì le proprie indagini teoretiche nel campo della genesi degli organismi e delle specie nel "Système de la Nature" (1754). In quest’opera, al fine di conciliare il postulato di oggettività della scienza - che respinge il ricorso alle cause finali - con le evidenti proprietà teleonomiche degli esseri...

Voltaire, il pensatore arguto e colloquiale

Gaetano Antonio Gualtieri
Voltaire è indubbiamente uno dei filosofi più interessanti del pensiero moderno. La sua figura risulta stimolante e pregna di arguzia nell’affrontare una molteplicità di temi e di argomenti. Il Taccuino di pensieri, curato da Domenico Felice, presenta una vasta selezione di aforismi, pensieri e materiali dell’autore francese e si propone di evidenziare la complessità dei temi messi in campo dal pensatore transalpino, facendo al contempo risaltare l’abilità di quest’ultimo nell’interagire col lettore, il quale viene...

Gianvincenzo Gravina e il tema della virtù

Gaetano Antonio Gualtieri
La virtù, all’interno di questo articolo, viene considerata come il vero e proprio centro nevralgico del pensiero di Gianvincenzo Gravina; non a caso, essa attraversa un po’ tutte le opere più significative scritte dall’autore calabrese. La virtù, per Gravina, non tocca solamente tematiche di carattere religioso, cosa che è in un certo senso naturale, ma anche questioni che a tutta prima sembrano distanti dal suo raggio d’azione, come ad esempio quelle di tipo poetico e...

Prefazione a Voltaire, Taccuino di pensieri. Vademecum per l’uomo del Terzo Millennio, Mimesis, 2019

Ernesto Ferrero
Prefazione a Voltaire, Taccuino di pensieri. Vademecum per l’uomo del Terzo Millennio, a cura di Domenico Felice, Milano-Udine, Mimesis, 2019, 533 pp.

L’amicizia geniale: origini di un successo. Louisa May Alcott e Elena Ferrante

Collina Beatrice
L’utopia di un mondo autosufficiente costituito di sole donne, unite dal legame dell’amicizia, è un tema ricorrente nella letteratura femminile dal Rinascimento ad oggi. Un mondo a parte, privato, nascosto all’occhio della storia, nel quale scompaiono i rapporti gerarchici, sostituiti da legami fluidi fra singole donne che fanno parte di un gruppo. Utopia letteraria vincente, se si pensa allo straordinario consenso di pubblico femminile ottenuto dal romanzo di Louisa May Alcott, Piccole donne e dalla...

L’ordine della storia. Sistema e metodo nelle opere storiche di Voltaire

Riccardo Campi
Benché per Voltaire l’espressione “filosofia della storia” non designasse altro che un approccio critico allo studio della storia, è risaputo che la sua opera di storico − e, in primo luogo, nel suo Essai sur les mœurs − volle essere un tentativo di fornire un nuovo oggetto all’indagine storica: la “storia dello spirito umano”. Tale concezione della storia, per la natura stessa del suo oggetto, non può, da un lato, che aspirare all’universalità, ma, dall’altro,...

Nicola Nicolini e il costituzionalismo moderato

Natale Vescio
Nicola Nicolini, grande penalista, allievo di Pagano, è stato tra i principali protagonisti della codificazione napoletana (1819). Di formazione storicista, ha tentato di sostenere una graduale, ma significativa, evoluzione del diritto e del processo penale. Ha sostenuto l’esperimento costituzionale del 1820 e l’adozione del modello gaditano, in cui ha individuato uno strumento fonda-mentale per lo smantellamento dell’armamentario assolutista ed una progressiva trasformazione del sistema in senso più ‘liberale’.

Elogio del Signor d’Alembert (1786)

Paolo Frisi
Riproduzione della prima edizione italiana (Milano, Galeazzi, 1786) dell’"Elogio del Signor d’Alembert" del matematico e astronomo milanese Paolo Frisi (1728-1784) , che studiò e si formò sugli scritti scientifici del condirettore dell’"Encyclopédie", con il quale intrattenne una fitta corrispondenza che testimonia la loro consuetudine e la loro amicizia, suggellata in più incontri parigini. Nell’"Elogio", composto a caldo poco dopo appresa la notizia della morte di d’Alembert (29 ottobre 1783), l’illuminista milanese ricostruisce minutamente e con...

GIUSEPPE BARETTI, GLI ILLUMINISTI INGLESI E IL SETTECENTO ITALIANO: UNA RIVISITAZIONE

Davide Arecco
Trecento anni fa nasceva a Torino Giuseppe Baretti. Questo saggio ripercorre la sua personalità, i suoi viaggi e spostamenti, con particolare attenzione per i rapporti (mai facili in vero) con gli illuministi italiani e per quelli decisamente migliori con gli esponenti del mondo culturale inglese, conosciuto dallo scrittore e giornalista piemontese durante le sue due lunghe permanenze in Gran Bretagna, ricche di pubblicazioni ed attività. Ne emerge, ancora dopo tre secoli, una figura grande e...

Riflessioni sulla storia, e sulle diverse maniere di scriverla, a cura di Domenico Felice

Jean Le Rond D'Alembert
La presente traduzione si basa sul testo delle "Réflexions sur l’histoire, et sur les différentes manières de l’écrire", pubblicato nelle "Œuvres complètes de d’Alembert", Paris, Belin, 1821-1822, 4 voll., vol. II (contenente: "Réflexions sur l’histoire" – "Sur la destruction des jésuites "– "Mémoires sur Christine" – "Éloges historiques"), parte I, pp. 1-10. La prima edizione del testo delle "Réflexions sur l’histoire, lues à l’Académie Française dans la séance publique du 19 janvier 1761" fu stampata...

L’OSSERVATORE DELLE COSE UMANE. Intorno a Montesquieu, Scritti postumi (1757-2006). I miei pensieri. I miei viaggi. Saggi. Romanzi filosofici. Memorie e discorsi accademici. Poesie, traduzione italiana con testo francese a fronte, a cura di Domenico Felice, Milano, Giunti-Bompiani, 2017, pp. LXXXI-2668

Gaetano Antonio Gualtieri
La recensione mette in evidenza la complessità dell’operazione compiuta da Domenico Felice e dai suoi collaboratori nel preparare il volume dedicato agli Scritti postumi di Montesquieu. Gli scritti raccolti nel volume sono di lunghezza e valore assai diversi e si riferiscono a tematiche molto variegate, che spaziano da brevi componimenti poetici a scritti scientifici e filosofici, senza trascurare veri e propri saggi monografici incompiuti o non del tutto rifiniti e romanzi filosofici. In tutto questo,...

Karl Marx: una vita tra storia e teoria

Riccardo Bonfiglioli
The purpose of this review is to highlight the main features of the book "Karl Marx. Biografia intellettuale e politica. 1857-1883" written by Marcello Musto. An attempt will be made to underline the importance of the relation between theory and biographical events of Marx’s life, in the background of his historical time, as a key for a greater understanding of Marx’s works.

Maupertuis’s Principle of Least Action: Epistemology and Metaphysics

Marco Storni
The paper deals with Pierre-Louis Moreau de Maupertuis’s (1698-1759) writings on the principle of least action (PLA). I discuss Maupertuis’s philosophical interpretation of the PLA by analysing three of his papers (1740, 1744, 1746), in order to assess the overall consistency of his argument. As I shall argue, Maupertuis presents the PLA as a universal principle of nature, this being at odds with the empiricist inspiration of his epistemology. Maupertuis’s attempt to introduce conceptual elements...

Alexandre Deleyre, Agostino Paradisi il Giovane e la polemica letteraria del 1765 sulla (presunta) decadenza dell’Italia

Piero Venturelli
Quest’articolo prende in esame la polemica letteraria italo-francese che scoppia nel 1765 e che, nonostante la sua breve durata, ha l’effetto di ravvivare il sentimento nazionale in una porzione non trascurabile del mondo colto del Bel Paese. La contesa inizia con una "Lettre" anonima, ma del bordolese Alexandre Deleyre (1726-1797), pubblicata nel marzo 1765 nella rivista parigina «Gazette littéraire de l’Europe»: secondo il controverso Enciclopedista, l’Italia settecentesca è in piena decadenza morale, culturale, politica ed...

Montesquieu e la storia del commercio nel mondo antico

Massimiliano Bravi
Nel libro XXI dell’Esprit des lois, Montesquieu propose un'articolata ricostruzione delle principali vicende che scandirono la storia del commercio nel mondo antico, avanzando conclusioni in esplicito contrasto rispetto a quelle del suo connazionale Pierre-Daniel Huet, che nel 1716 aveva pubblicato un'opera dal titolo Histoire du commerce et de la navigation. In particolar modo, Montesquieu cercò di argomentare, in netto disaccordo con Huet, la totale imperizia dei Romani nell'arte del commercio, che perdurò dal periodo repubblicano...

Causality in Econometric Modeling. From Theory to Structural Causal Modeling

Michel Mouchart, Renzo Orsi & Guillaume Wunsch
This paper examines different approaches for assessing causality as typically followed in econometrics and proposes a constructive perspective for improving statistical models elaborated in view of causal analysis. Without attempting to be exhaustive, this paper examines some of these approaches. Traditional structural modeling is first discussed. A distinction is then drawn between model-based and design-based approaches. Some more recent developments are examined next, namely history-friendly simulation and information-theory based approaches. Finally, in a constructive perspective,...

Collages, History or ready-mades On the politics of representation in the age of neoliberalism

Joao Pauperio & Maria Rebelo
In the 2016 monographic number devoted by “El Croquis” to the work of Sergison Bates, Alejandro Zaera-Polo wrote an essay where he tried to systematise and explain contemporary trends by the means of a «global architecture political compass», in «an attempt to use a number of emergent practices as indexes of a new structuring of the field» (Zaera-Polo 2016, p. 255) and its forms of resistance to the implications of neoliberal political economy. In the...

Processi creativi del collage di Rossi: comporre e disporre

Beatrice Lampariello
Nel panorama internazionale degli anni Sessanta e Settanta, tutta l’architettura di Aldo Rossi, costruita o progettata, si è imposta in forza della dimensione astratta ed enigmatica della sua rappresentazione. Dopo le prime sperimentazioni pittoriche condotte tra gli anni Quaranta e Cinquanta e la messa a punto di alcuni espedienti grafici all’inizio degli anni Sessanta, Rossi inventa un genere particolare di collage, che non si riduce a essere un semplice strumento tecnico per raffigurare edifici e...

The Otterlo Circles by Aldo van Eyck. Collage as condensed theory

Mariabruna Fabrizi
In 1959, on the occasion of the last CIAM conference, Dutch architect Aldo van Eyck produced the “Otterlo Circles”, a collage of photographs, drawings, and texts which synthesised his view on the production of architecture. In the collage, two circles represent the relationship between architectural and social values. On the left, a circle labelled par nous (“by us”) contained a photograph of the Temple of Athens Nike on the Acropolis, a drawing of a Contra-construction...

D.E.SY, destini di case e atelier del faber

Anna Mazzanti
Questo paper presenta un progetto di ricerca interdisciplinare afferente al dipartimento Design del Politecnico di Milano, volto ad individuare strategie di valorizzazione sperimentali per una tipologia specifica di spazi, le case/atelier del faber (Frisch, 2005). Se quindi D.E.SY (Designing Enhancement Strategies and Exhibit SYstems for the Italian House Museums and Studios), focalizzato sul sistema dei luoghi di vita e lavoro del faber (artisti, architetti, designer, forgiatori), nell’area metropolitana milanese e in quella lombarda, incrocia una...

I "boni homines" (la “gente nova”) e la “congiura” precomunale. Secoli XI-XII

Rita Bellelli
Nella crisi degli antichi ordinamenti politici ed ecclesiastici, che, non da ultimo, rappresentava una crisi di legittimazione delle autorità tradizionali ("Regnum" e "Sacerdotium", in lotta per la supremazia universale), una crisi profonda e drammatica per la coscienza medievale destinata a sbocciare nella trasmutazione della tavola dei valori umani, a partire dall’XI secolo gruppi di “dissidenza” religiosa, ostili alle strutture istituzionali della Chiesa e tese a riproporre i motivi della purezza e della "paupertas" evangelica del...

Voltaire, i costumi e lo spirito delle nazioni

Riccardo Bonfiglioli
Obiettivo di questo contributo è la presentazione dell’edizione critica del "Saggio sui costumi e lo spirito delle nazioni" di Voltaire. Se ne individuano caratteri tematici e motivazioni storiche portanti sulla base delle quali risulti agevole cogliere, più in generale, i tratti salienti della condotta storiografica volterriana.

La polémica entre Voltaire y La Beaumelle: a propósito del "Supplément au Siècle de Louis XIV"

Adrián Ratto
El objetivo de este trabajo es evaluar el alcance de las críticas que La Beaumelle dirige a Voltaire en la edición anotada del "Siècle de Louis XIV", publicada en 1753, y su respuesta en el "Supplément au Siècle de Louis XIV" publicado algunos meses después. Esto, por otra parte, arroja algunas luces sobre una serie de tensiones presentes en el proyecto historiográfico de Voltaire. Se demuestra que en los trabajos históricos e historiográficos del filósofo...

CONDORCET ET L’ITALIE: LA VIE DE VOLTAIRE ET LES ÉLOGES D’EULER ET DE D’ALEMBERT

Luigi Pepe
Riguardo i rapporti di Condorcet con studiosi italiani prima della Rivoluzione francese hanno rilevanza le ricerche in Italia di materiali per l’edizione di Kehl delle opere di Voltaire e le ristampe delle biografie scientifiche di due dei maggiori matematici del secolo XVIII: Eulero e d’Alembert. Per la prima questione sono presentate lettere con lo scienziato bolognese Alfonso Bonfioli Malvezzi, che nel suo viaggio in Europa aveva incontrato Voltaire e Condorcet. L’elogio di d’Alembert può essere...

Registration Year

  • 2012
    1,348
  • 2013
    4,335
  • 2014
    5,037
  • 2015
    1,185
  • 2016
    2,120
  • 2017
    1,332
  • 2018
    1,409
  • 2019
    1,476
  • 2020
    304

Resource Types

  • Text
    18,491
  • Dataset
    52
  • InteractiveResource
    2