307 Works

Progettazione e realizzazione del portale web istituzionale e del logotipo della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell’INGV

Luigi Falco, Raffaele Moschillo & Gaetano Riccio
Il progetto CESIS (Centro per la Sismologia e l’Ingegneria Sismica), finanziato dal Ministerodell’Università e della Ricerca (Legge 488/92), oltre a prevedere la realizzazione di una nuova sededell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) a Grottaminarda, aveva come obiettivo ilpotenziamento della Rete Sismica Nazionale nel centro-sud Italia attraverso l’installazione di 60 nuovestazioni di monitoraggio multi-parametriche costituite da sismometro, accelerometro e ricevitore GPS diprecisione. Grazie anche ai finanziamenti ricevuti per questo progetto, verso la fine del 2004,...

Criteri di progetto per la Compatibilità Elettromagnetica “ElectroMagnetic Compatibility, EMC”, “grounding” e “bonding\"

Giuseppe Urbini
Questa nota tecnica vuole mettere in evidenza il problema della Compatibilità Elettromagnetica e delle Interferenze Elettromagnetiche, con un approccio sistemistico. In particolare si illustrano due caratteristiche tipiche di apparecchiature e sistemi. La messa a massa (grounding) e le connessioni (bonding).

Un sistema di telemetria real-time e di campionamento di gas come payload per un drone

Alessandro Iarocci, Giovanni Romeo & Paolo Benedetti
LUSI LAB è un progetto europeo, finanziato dall’università di Oslo, che si propone di effettuare uno studio multidisciplinare usando il vulcano Lusi come un eccezionale laboratorio naturale [Mazzini et al., 2007]. La prima eruzione del vulcano Lusi si è verificata nel nord est dell’isola di Java nel maggio del 2006 a seguito di un terremoto di magnitudo 6.3 che colpì l’isola. Inizialmente comparvero diversi siti di eruzione (siamo in prossimità del complesso vulcanico Arjuno) di...

Acquisizione dati sismici e GPS mediante implementazione di un cloud privato su rete dati cellulare ad integrazione della rete informatica della sede Irpinia

Luigi Falco, Gianpaolo Cecere & Ciriaco D'Ambrosio
Nell’ambito delle attività di ricerca, monitoraggio e sorveglianza geofisica il Centro NazionaleTerremoti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia gestisce la Rete Integrata Nazionale GPS(RING) [Avallone et al., 2010] con installazioni permanenti di sensori GPS distribuite su tutto il territorioitaliano e nel bacino del mediterraneo. Tale gestione è affidata all’Unità Funzionale denominata“Osservatorio sismico e geodetico di Grottaminarda” che ne provvede alle attività di installazione,manutenzione e aggiornamento tecnologico [Falco et al., 2014], nonché dei sistemi di monitoraggio...

Studio per la verifica della bontà di allineamento delle scansioni da rilievo laser scanning: metodologia sperimentale TLS - fase 1.0

Arianna Pesci & Teresa Caputo
I sistemi laser a scansione terrestre, comunemente laser scanning (TLS), sono oggi molto utilizzati sia nel rilievo geologico che architettonico. Un rilievo TLS, in sostanza, è l’insieme delle nuvole di punti acquisite in ogni singola scansione e cioè un insieme di punti di cui sono misurate/calcolate le coordinate insieme ad un dato di intensità del segnale (dipendente dalla riflettenza del materiale alle frequenze utilizzate). Attualmente le tecniche TLS suscitano un interesse crescente in campo topografico...

Modellazione tridimensionale di edifici mediante tecnologia laser a scansione terrestre

Mario Minasi, Antonio Costanzo, Giorgia Rossi, Giorgio P.M. Vassena, Matteo Sgrenzaroli, Fawzi Doumaz, Giuseppe Casula, Massimo Musacchio, Antonio Montuori, Maria Giovanna Bianchi, Carmelo La Piana & Maria Fabrizia Buongiorno
Negli ultimi anni i sistemi laser a scansione terrestre (TLS) sono divenuti sempre più soventemente strumenti utili al monitoraggio: sia di fenomeni di dissesto come frane e problemi di stabilità di versante, ma anche per il monitoraggio di aree crateriche dei vulcani o di caldera. Sono frequenti le applicazioni nelle cave o nelle saline per il monitoraggio dei volumi di materiale estratto. Sono state effettuate applicazioni per lo studio e la geo-referenziazione della struttura complessa...

Taratura del magnetometro LEMI 025

Manuele Di Persio, Giovanni Benedetti & Achille Emanuele Zirizzotti
Le misure delle grandezze geofisiche sono tanto più significative quanto più sono continue e sistematiche nel tempo. Pertanto gli strumenti di misura devono avere una risposta corretta, che sia anche riproducibile e stabile. In particolare gli strumenti di misura devono assicurare le tre condizioni che sono sensibilità, precisione e giustezza. Assicurare la qualità dei dati significa avere una misura quanto più veritiera possibile della grandezza fisica. Rivestendo un ruolo così importante e delicato si intuisce...

Tomografia di resistività elettrica per l’individuazione di cavità nel sottosuolo urbano: un’applicazione nella città di Napoli

Alessandro Fedele, Maria Giulia Di Giuseppe, Antonio Troiano, Renato Somma, Giuseppe Brandi, Mario Dolce, Mauro Antonio Di Vito, Claudia Troise & Giuseppe De Natale
 

Preparazione alle emergenze sismiche. Seconda esercitazione nazionale INGV per posti di comando (20 novembre 2019)

Milena Moretti, Silvia Pondrelli & Concetta Nostro
On November 20, 2019, an exercise was held at the National Institute of Geophysics and Volcanology (INGV) as part of the activities planned for preparing for seismic emergencies. The training was "table-top" with the simulation of an earthquake with a magnitude greater than the threshold required for the activation of the intervention procedures, described in the "Protocol of the Authority for the management of seismic and tsunami emergencies and Establishment of the Crisis Unit”, the...

Realizzazione di un pluviometro sperimentale per il campionamento di acque meteoriche destinate alla determinazione degli elementi in tracce

Marianna Cangemi, Paolo Cosenza, Giuseppe Riccobono, Salvatore Inguaggiato & Salvatore Francofonte
 

Riproduzione digitale di sismogrammi storici del Vesuvio: prime registrazioni sismiche su un vulcano

Stefano Fiore, Luca D'Auria, Flora Giudicepietro, Antonio Caputo & Giovanni Pasquale Ricciardi
Il presente rapporto descrive l’attività di riproduzione digitale di sismogrammi storici dell’Osservatorio Vesuviano. Come è noto l’Osservatorio Vesuviano, attualmente Sezione di Napoli dell’INGV, è il più antico osservatorio vulcanologico del mondo, fondato nel 1841 dal re delle due Sicilie Ferdinando II di Borbone. In un numero del marzo 2013 il prestigioso settimanale scientifico Nature, cita il monitoraggio del Vesuvio, come una delle osservazioni scientifiche di più lunga durata, seconda solo all’osservazione delle macchie solari iniziata...

La rete dei dilatometri in pozzi profondi dell’Etna

Alessandro Bonaccorso, Gilda Maria Currenti & Antonino Sicali
After a long preparatory phase on Etna a network of 4 borehole dilatometers has been installed. This activity took place in two successive phases (2010-2011 and 2013) supported by two research projects. The borehole dilatometers are installed in holes drilled at depths usually greater than 100 m, and they measure the volumetric strain of the surrounding rock potentially with nominal precision up to 10-12 in a wide frequency range (10-7 – 102 Hz). In this...

Analisi quali-quantitativa delle precipitazioni atmosferiche a Palermo nello scenario attuale della qualità ambientale urbana e del cambiamento del clima

Marianna Cangemi, Concetta Felli, Paolo Madonia, Loredana Napoli & Ygor Oliveri
Tra i mesi di Aprile e Maggio 2019 la Sezione di Palermo dell’INGV ha svolto un progetto di Alternanza Scuola Lavoro in convenzione con il Liceo Classico Statale “Giuseppe Garibaldi” di Palermo. Il progetto, dal titolo “Analisi qualiquantitativa delle precipitazioni atmosferiche a Palermo nello scenario attuale della qualità ambientale urbana e del cambiamento del clima” ha avuto come destinatari 20 alunni delle quarte classi del liceo, per una durata complessiva di 20 ore, al netto...

La scienza, le favole e il racconto: primo approccio alla scrittura creativa negli studenti di scuola secondaria attraverso i progetti di Alternanza Scuola Lavoro 2017-2018

Tiziana Lanza & Giuliana D'Addezio
La possibilità di utilizzare la geomitologia a fini educativi e di comunicazione era stata sondata in uno studio pubblicato nel 2007 [Lanza & Negrete 2007], seguendo le orme di Dorothy Vitaliano, una geologa americana che in un libro, Legends of the Earth: their geologic origins [Vitaliano 1973], sintetizzava alcune ricerche geologiche effettuate anche studiando la mitologia locale. Vitaliano coniava il termine geomitologia sostenendo che era stato concepitocome l’applicazione in geologia del termine “Evemerismo”, dal filosofo...

Manuale di Supporto alla gestione degli eventi sismici presso la Sala Operativa dell’Osservatorio Vesuviano

Francesca Cirillo & Rosario Peluso
This manual has the objective to provide the shift workers of the Osservatorio Vesuviano Monitoring Room with an useful support to carry out their activities. Specifically, it focuses on the guidelines for the use of information systems related to the analysis and management of seismic events. Shift workers, among their duties, have the task to perform the preliminary location of the occuring seismic events that has to be done by means of two specific systems:...

La rete a microonde per la trasmissione dati dell’INGV – OE Sezione di Catania

Sergio Di Prima & Massimo Rossi
The Etneo Observatory, the Catania headquarters of the National Institute of Geophysics and Volcanology, has among its primary tasks the seismic and volcanic surveillance of Sicilian volcanoes and seismic areas of eastern Sicily. In order to meet these obligations, it needs to transfer in a safe manner a variegated multitude of data ranging from images coming from thermal cameras to data from GNSS stations. Some types of data, such as those from permanent seismic network,...

Progetto “Sale Operative Integrate e Reti di monitoraggio del futuro: l’INGV 2.0”. Report finale

Lucia Margheriti, Francesca Cirillo, Francesco Guglielmino &
Il progetto “Sale Operative Integrate e Rete di monitoraggio futuro” (indicato nel volume come “S.O.I.R. monitoraggio futuro”) è finalizzato alla integrazione del sistema di monitoraggio sismico, vulcanico e di allerta tsunami che all’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Centro di Competenza del Sistema Nazionale di Protezione Civile, viene svolto presso le Sale Operative dell’Osservatorio Nazionale Terremoti (ONT) di Roma, dell’Osservatorio Vesuviano (OV) di Napoli e dell’Osservatorio Etneo (OE) di Catania. Il progetto, finanziato dal...

WP2 Rete Multiparametrica - Descrizione generale delle attività svolte e risultati conseguiti

Sandro Rao, Salvatore Claudio Alparone, Valentina Cannelli, Ezio D'Alema, Antonino D'Alessandro, Sergio Di Prima, Marco Massa, Milena Moretti, Massimo Orazi, Antonio Piersanti & Grazia Pietrantonio
La multidisciplinarietà della ricerca e la multiparametricità delle misure sono due elementi che in questi ultimi tempi hanno suscitato l’interesse e reso disponibili risorse dalle principali Agenzie internazionali che finanziano la ricerca scientifica nel campo delle Scienze della Terra. Le maggiori iniziative internazionali atte all’analisi dell’effetto dei molteplici e complessi fenomeni geofisici che regolano le dinamiche terrestri e il loro impatto sull’ambiente e sulla società hanno indirizzato le proprie risorse al potenziamento delle infrastrutture di...

WP2 Rete Multiparametrica - Stazioni multiparametriche di competenza dell'Osservatorio Etneo

Sergio Di Prima, Paolo Rosario Maria Rossi & Salvatore Claudio Alparone
A causa della peculiare complessità del contesto geologico in cui ricade e della geodinamica associata, il settore orientale della Sicilia è considerato una delle aree a più alto rischio sismico del territorio nazionale italiano. Inoltre, ospitando al suo interno i due vulcani più attivi d’Europa, esso risulta caratterizzato da un’elevata dinamicità di corpi magmatici e da continue attività eruttive. Questo settore è attraversato da importanti e attivi lineamenti strutturali, in alcune porzioni a carattere litosferico,...

WP3 Sviluppo di procedure automatiche per l’integrazione nelle sale operative di misure, modelli predittivi e prodotti di ricerca dell’INGV - Uno strumento software per l’inversione rapida di dati di deformazione

Mahak Singh Chauhan & Flavio Cannavò
L’obiettivo del lavoro è stato quello di rendere disponibile uno strumento semplice per l’inversione di dati geodetici registrati dalla rete GPS permanente Etnea. Lo strumento sviluppato offre la possibilità di invertire i dati di deformazione sia in tempo quasi reale che offline. Per quanto riguarda l’algoritmo di inversione, è stato utilizzato un approccio probabilistico basato sul metodo denominato Monte Carlo Markov Chain, in grado di stimare la distribuzione della densità a posteriori dei parametri del...

WP3 Sviluppo di procedure automatiche per l’integrazione nelle sale operative di misure, modelli predittivi e prodotti di ricerca dell’INGV - Mt. Etna SAR – Il WEB-GIS interferometrico dell'area etnea

Carmelo Cassisi & Francesco Guglielmino
Decenni di esperienze geofisiche condotte in vari contesti geodinamici hanno dimostrato quanto siano rilevanti le deformazioni del suolo per la comprensione della dinamica delle aree soggette a rischio vulcanico. Ed è oramai pienamente consolidato l’utilizzo delle tecniche di interferometria satellitare SAR (InSAR) per la misura di tali deformazioni e delle variazioni morfologiche in aree vulcaniche. Con l'ampia diffusione dei dati acquisiti dalla missione Sentinel-1 dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) e altre missioni SAR già operative o...

WP4 - Formazione del personale delle sale operative - La formazione del Personale delle Sale Operative INGV

Ornella Maria Gaetana Cocina, Concetta Nostro, Mario Castellano, Pietro Bonfanti, Rosa Anna Corsaro, Massimo Crescimbene, Walter De Cesare, Domenico Di Mauro, Federica La Longa, Anna Nardi, Luca Pizzino & Patrizia Ricciolino
La continua attività di formazione del personale a tempo indeterminato e determinato coinvolto nelle attività di sorveglianza H24 all’Osservatorio Etneo (OE), all’Osservatorio Nazionale Terremoti (ONT) e all’Osservatorio Vesuviano (OV), costituisce uno degli obiettivi istituzionali dell’Ente. Per questa ragione, le attività formative previste devono essere necessariamente coerenti sia con gli obiettivi istituzionali rappresentati dal Piano Triennale delle Attività, sia con le finalità concordate nell’Accordo Quadro con il Dipartimento della Protezione Civile (DPC). L’attività formativa nell’ambito dei...

WP3 Sviluppo di procedure automatiche per l’integrazione nelle sale operative di misure, modelli predittivi e prodotti di ricerca dell’INGV - Utilizzo preliminare del failure forecast method sui dati GPS di spostamento orizzontale registrati nella caldera

Andrea Bevilacqua, Abani Patra, Bruce E. Pitman, Marcus Bursik, Prospero De Martino, Flora Giudicepietro, Giovanni Macedonio, Stefano Vitale, Franco Flandoli, Barry Voight & Augusto Neri
La caldera dei Campi Flegrei è un campo vulcanico che ha prodotto almeno 70 eruzioni negli ultimi 15,000 anni [Smith et al., 2011; Bevilacqua et al., 2016]. Episodi di lento sollevamento e abbassamento del terreno, chiamati bradisismo, caratterizzano la dinamica recente del sistema [Acocella et al., 2014; Bevilacqua et al., 2020]. Negli ultimi decenni ci sono state due crisi bradisismiche, nel 1969/1972 e nel 1982/1984, con un sollevamento di 1.70 m e 1.85 m, rispettivamente....

WP4 - Formazione del personale delle sale operative - La formazione del personale della Sala di Sorveglianza Sismica e Allerta Tsunami di Roma

Concetta Nostro, Anna Nardi, Luca Pizzino, Lucia Margheriti, Alessio Piatanesi, Laura Graziani, Fabrizio Romano, Francesco Mariano Mele, Anna Maria Lombardi, Daniele Cheloni & Paola Baccheschi
L'INGV è Centro di Competenza per i fenomeni sismici, vulcanici e i maremoti per il Dipartimento di Protezione Civile Nazionale (DPC). Nell’ambito delle attività previste dall’Accordo Quadro DPC-INGV 2012-2021 (AQ vigente), l’INGV svolge attività di sorveglianza tecnico-scientifica sulla sismicità del territorio nazionale, sui fenomeni vulcanici e sui maremoti, finalizzata ai compiti di protezione civile, in modo ininterrotto (H24 per 365 giorni l’anno). Tale attività viene realizzata con uno specifico assetto organizzativo, che consente la trasmissione...

WP4 - Formazione del personale delle sale operative - La condivisione di esperienza e conoscenza nel percorso formativo dei turnisti dell'Osservatorio Etneo

Pietro Bonfanti, Ornella Maria Gaetana Cocina & Rosa Anna Corsaro
Nel quadro delle attività del WP4 “Formazione del personale delle Sale Operative” del progetto “S.O.I.R. monitoraggio futuro” sono stati progettati e realizzati dei corsi di formazione per il personale turnista della Sala Operativa dell’Osservatorio Etneo (OE), il cui scopo è stato fondamentalmente quello di: i) migliorare le conoscenze necessarie ad ottimizzare le procedure di sala, ii) standardizzare le procedure, iii) incrementare l’interazione tra le sale (OE, ONT e OV) dell’INGV [Cocina et al., 2020]. In...

Registration Year

  • 2022
    79
  • 2021
    217
  • 2020
    11

Resource Types

  • Text
    307

Affiliations

  • Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)
    306
  • University of Calabria (UniCAL)
    3
  • University of Catania (UniCT)
    3
  • Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
    3
  • University of Padua (UniPD)
    2
  • University of Salerno (UniSA)
    2
  • University of Ferrara (UniFE)
    2
  • University of Florence (UniFI)
    2
  • National Institute of Geophysics and Volcanology
    1
  • University of Insubria (Uninsubria)
    1