217 Works

Sistema di monitoraggio meteorologico del settore costiero dei Campi Flegrei: analisi delle misurazioni effettuate nel periodo 2014-2017 presso la stazione di Bacoli

Alberto Fortelli, Mauro Caccavale, Giuseppe Esposito, Fabio Matano, Ferdinando Maria Musto, Marco Sacchi, Renato Somma, Claudia Troise & Giuseppe De Natale
Two weather stations have been installed in the coastal region of the Municipalities of Bacoli (Lake Miseno-­Case Vecchie) and Naples (Cape Posillipo-­Denza Institute) within the frame of a cooperation between the INGV­Napoli and IAMC­CNR Napoli in a PON ­ REC 2007­2103 project: "Innovative MONITORING for the Coasts and the Marine Environment (MONICA)". These stations have provided accurate measurements of various weather-­climatic parameters (temperature, rainfall, wind, humidity, atmospheric pressure), with a time frequency of 10 minutes...

Brevi studi di Sismologia Storica. Tre casi di Terremoti “minori” tra la Pianura Padana e le colline romagnole (sec. XVII-XIX)

Carlos Héctor Caracciolo
This work illustrates the research on three “moderate” seismic events occurred between the seventeenth and the nineteenth century. The first one had most of its effects at the foot of the Euganean Hills, a zone of low­intensity rate. The second one was felt in a large zone, from Veneto to Marche with slight damage in some hamlets of Romagna. Both can be considered as “new entries” in the seismic Italian history. Also the last earthquake...

Il Backup dei dati. L’esempio dell’INGV - Osservatorio Vesuviano

Giuseppe Borriello, Rosario Peluso & Giovanni Scarpato
One of the main goals of an organization is to prevent data loss as a result of catastrophic events. The measure to be adopted is called “data backup”. It’s a simple concept: make backup copies to prevent data from becoming an unpleasant memory due to hardware, software, fire, electrical problems or other events. If concept is simple, the strategy for saving data is much more complex. Periodic data backup must be part of an efficient...

Servizio DynDNS@INGV per le stazioni sismiche

Diego Sorrentino, Leonardo Salvaterra & Stefano Vazzoler
This paper describe the implementation of a Dynamic DNS Service, realized inside INGV, used by seismic stations using an internet connection with variable IP address, to definitively solve the problem of using a private provider, not fully compliant to INGV working needed or too expensive, in their business solution. The realized system solves different issues verified, primarily about unavailability of request domain name, limits on account management and the service’s purchase, offering an easy control...

L’esperienza dei progetti di Alternanza Scuola-Lavoro (2015-2018): didattica sperimentale e lavoro creativo

Maria Di Nezza & Anna De Santis
La cultura scientifica sta assumendo un ruolo fondamentale nella società in quanto permette di cambiare il modo di vivere, di lavorare e di pensare. A livello mondiale, anche tra i paesi più sviluppati, si registra una carenza di cultura scientifica tra i cittadini ad eccezione della Corea del Sud e della Finlandia [King, 2004]. Se fino a poco tempo fa comunicare con la società era un aspetto trascurabile per il mondo della ricerca, ora invece...

Dati sismostratigrafici sul margine continentale della Campania tra Ischia, Capri ed il bacino del Volturno (Tirreno meridionale, Italia) in base al processing sismico ed all’interpretazione geologica di profili sismici a riflessione multicanale

Gemma Aiello & Anna Giuseppa Cicchella
Deep multichannel profiles located on the Campania continental margin have been processed and interpreted with the aim to highlight new evidence on the tectono-stratigraphic setting of this sector of Southern Italy Tyrrhenian margin. In particular, the interpreted seismic profiles have crossed the geological structures of the Ischia and Capri Islands and the Volturno offshore. The regional geological structure of the Campania continental margin is characterized by several geological structures and corresponding seismic units, both volcanic...

A photographic collection of the coseismic geological effects induced by the 21 August 2017, M=4, Casamicciola earthquake (Ischia island, Italy)

Emergeo Working Group
On 21 August 2017, a shallow earthquake of Md 4.0 struck the Casamicciola Terme village in the north of Ischia volcanic island (Italy). The earthquake has the typical characteristics of volcano­ tectonic events recorded at active volcanoes and occurred along the E­W normal system fault bounding the northern slope of Mt. Epomeo. The epicentral area has been repeatedly damaged in the last three centuries (1796, 1828, 1881, 1883) [Alessio et al., 1996; Carlino et al.,...

User’s guide for paleointensity experiments: an update of the Guidebook “Guida all’uso del forno ASC TD-48SCper la stima della paleointensità assoluta con il metodo Thellier-Thellier modificato”

Anita Di Chiara
The understanding of the ancient Earth’s Magnetic Field strength, or paleointensity, is fundamental for several disciplines of Earth Sciences. Following the growing interest in this field in the last decades, the number of paleointensity studies has been increasing and the Paleomagnetic Laboratory of the Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) in Rome, Italy, expanded the instrument park with a new ASC TD48SC oven for paleomagnetic and paleointensity measurements. This manual represents an updated version...

Ionosonda SDR per sondaggi obliqui

Achille Emanuele Zirizzotti, Paolo Bagiacchi, James Arokiasamy Baskaradas, Umberto Sciacca & Enrico Zuccheretti
The aim of the project is to carry out a prototype of an ionosonde for oblique sounding, based on the frequency modulated continuous wave principle and implemented by means of innovative programmable devices that allow creating smaller and more transportable instruments with respect to the classic ionosondes. The SDR ionosonde is a bistatic radar composed by a transmitter, which can simultaneously serve several receivers placed in different locations, and by one or more receivers that...

Studio e rivalutazione del terremoto di Sulmona del 25 agosto 1905

Corrado Castellano & Andrea Tertulliani
This work focuses on the process of revision of the macroseismic data of the 25 August 1905 earthquake, which hit Sulmona and more generally the Peligna Valley. The earthquake is currently quoted in the Parametric Catalog of Italian Earthquakes [CPTI15, Rovida et al., 2019] with a moment magnitude Mw 4.8 and epicentral intensity Io equal to 6. The reference study mentioned in the CPTI15 is a preliminary study of the GNDT Macroseismic Archive [Monachesi and...

WP3 Sviluppo di procedure automatiche per l’integrazione nelle sale operative di misure, modelli predittivi e prodotti di ricerca dell’INGV - SISTEM - Integrazione dati SAR e GNSS dell'area etnea

Alessandro Bonforte & Francesco Guglielmino
La mattina del 24 dicembre 2018 è iniziata una eruzione laterale dell’Etna, caratterizzata da un intenso sciame sismico e vistose deformazioni del suolo causate dall’intrusione di un dicco magmatico. Lo sciame sismico che ha accompagnato la fase eruttiva, si è protratto per giorni ed ha interessato le principali strutture vulcano-tettoniche dell’intero edificio vulcanico, così come testimoniato anche dalle numerose osservazioni di terreno. Il 26 dicembre 2018, alle ore alle 02:19 GMT si è verificato un...

WP1 Sale Operative Integrate - Lo sviluppo dei nuovi sistemi integrati di Sala, il sistema WESSEL ed i suoi simbionti

Rosario Peluso, Aldo Benincasa, Francesca Cirillo, Alessandro Di Filippo & Giovanni Scarpato
Nella Sala di Monitoraggio dell’Osservatorio Vesuviano (OV) vengono svolti i turni di Sorveglianza Sismica per il monitoraggio dei tre vulcani Campani (Vesuvio, Campi Flegrei ed Ischia). Nel corso degli anni sono stati sviluppati vari sistemi informatici a supporto del lavoro dei turnisti che si sono integrati e sovrapposti nel tempo. All’inizio degli anni 2000 fu sviluppato il primo sistema informatico di supporto al lavoro dei turnisti (SISMI [Giudicepietro et al., 2000]), esso era in grado...

WP2 Rete Multiparametrica - Ridondanza di trasmissione di una stazione multiparametrica

Stefano Farroni, Leonardo Salvaterra & Sandro Rao
Nell’ambito del WP2 del progetto “S.O.I.R monitoraggio futuro” [Rao et al., 2018; 2020a; 2020b] è stato avviato lo studio che permetta di avere una ridondanza del canale trasmissivo per la configurazione di rete delle stazioni multiparametriche situate sul territorio nazionale. Tale ridondanza garantisce che l’informazione relativa al dato sismico sia sempre disponibile permettendo di operare più efficacemente nell’ambito della sorveglianza sismica. Ricordiamo che l’architettura di rete generale, per la raccolta dei dati raccolti dalle stazioni...

WP2 Rete Multiparametrica - La rete di monitoraggio radon IRON: trasmissione dei dati su rete TCP/IP

Stefano Farroni, Catello Acerra, Gianfranco Galli, Leonardo Salvaterra, Sandro Rao & William Thorossian
Il monitoraggio sismico del territorio nazionale e dell’area Euro-Mediterranea si avvale dei dati velocimetricie accelerometrici acquisiti dalle stazioni della Rete Sismica Nazionale (RSN [INGV Seismological Data Centre; 2006; Michelini et al., 2016]) e della Rete MedNet [Pondrelli et al., 2020] e dei dati geodetici della Rete Integrata Nazionale GNSS (RING [Avallone et al., 2010; INGV RING Working Group, 2016]). Nell’ambito del WP2 del progetto “S.O.I.R. monitoraggio futuro” [Rao et al., 2018; 2020] si stanno integrando...

WP3 Sviluppo di procedure automatiche per l’integrazione nelle sale operative di misure, modelli predittivi e prodotti di ricerca dell’INGV - Sistema FLOWSAT per la caratterizzazione dei flussi lavici dallo spazio

Ciro Del Negro, Giuseppe Bilotta, Annalisa Cappello, Veronica Centorrino, Claudia Corradino & Gaetana Ganci
Le eruzioni effusive dell’Etna sono frequenti sia dai crateri sommitali sia da bocche eruttive laterali, con la lava che può scorrere per lunghe distanze sui fianchi del vulcano [Del Negro et al., 2019]. Le osservazioni satellitari forniscono una vista sinottica di un vulcano, permettendo di osservare l'evoluzione spazio-temporale dei flussi di lava soprattutto in aree remote, non facilmente accessibili per rilievi in loco. Per migliorare l’affidabilità delle valutazioni in tempo quasi reale della pericolosità di...

WP3 Sviluppo di procedure automatiche per l’integrazione nelle sale operative di misure, modelli predittivi e prodotti di ricerca dell’INGV - Procedure automatiche per la rilevazione e la stima dei parametri delle nubi vulcaniche da satellite

Dario Stelitano, Stefano Corradini, Luca Merucci & Lorenzo Guerrieri
Il telerilevamento satellitare è una risorsa indispensabile per gli studi di carattere ambientale e la mitigazione dei rischi connessi con i fenomeni naturali. La moltitudine di satelliti, sia in orbita geostazionaria che polare, aventi differenti risoluzioni spaziali e temporali, garantisce il monitoraggio di un determinato fenomeno in tempo reale, sia di giorno che di notte. Presso la sede INGV di Roma era già presente un sistema di acquisizione per satelliti geostazionari dotato di singola parabola...

WP4 - Formazione del personale delle sale operative - La formazione del Reperibile informatico per i sistemi di Analisi Dati della Sala Operativa di Roma

Matteo Quintiliani, Stefano Pintore, Valentino Lauciani, Andrea Bono, Fabrizio Bernardi, Francesco Mariano Mele & Lucia Margheriti
WP4 - FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLE SALE OPERATIVE - La formazione del Reperibile informatico per i sistemi di Analisi Dati della Sala Operativa di Roma

Il rischio sismico, le scienze polari e gli strumenti per la divulgazione scientifica nei progetti di alternanza scuola lavoro all’INGV dal 2015 al 2019

Federica La Longa, Massimo Crescimbene, Lucilla Alfonsi, Francesca Di Luccio, Carlo Alberto Brunori, Arrigo Caserta, Claudio Cesaroni, Gianfilippo De Astis, Rosalba Di Maro, Maurizio Pignone & Nicola Alessandro Pino
Il presente lavoro raccoglie alcune esperienze di Progetti di Alternanza Scuola Lavoro (d’ora in poi ASL) realizzati dall’INGV negli anni scolastici dal 2015 al 2019 e dedicati al rischio sismico, alle scienze polari ed agli strumenti per la divulgazione scientifica. Le esperienze descrivono il lavoro realizzato da un gruppo di ricercatori INGV con competenze in diversi ambiti disciplinari (sismologia, geologia, vulcanologia, fisica dell’atmosfera, psicologia) e in alcuni casi le attività sono state svolte in collaborazione...

Sullo sviluppo della rete multiparametrica in Sicilia

Antonino D'Alessandro, Roberto D'Anna, Fabio Di Gangi, Giuseppe Passafiume, Salvatore Scudero, Stefano Speciale, Giovanni Vitale, Christian Bignami, Antonio Piersanti, Valentina Cannelli, Gianfranco Galli, Rosario Mineo, Giuseppe Alessandro, Salvatore Buonmestieri, Sandro Rao & Salvatore Stramondo
This contribution illustrates the state of the art on the development of the multiparametric network in Sicily in the last three years. This region is wellknown for the strong earthquakes (M>6.5) which struck in historic time. However, the coverage of the seismic network developed in the last decades was not fully optimized to the need of the seismic surveillance. Since 2017, the group belonging to the National Earthquake Observatory (ONT) which operates in Sicily launched...

WebGIS EMERSITO: un sistema informativo geografico per la condivisione delle informazioni in situazioni di emergenza sismica

Rocco Cogliano & Daniela Famiani
Durante l’emergenza sismica nel centro Italia a seguito dell’evento del 24 agosto 2016, il gruppo EMERSITO (Gruppo per lo studio degli effetti di sito in emergenza) trasversale all’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) ha partecipato attivamente alle campagne di acquisizione dati nei luoghi dell’evento. Lo scopo principale del gruppo EMERSITO è quello di svolgere e coordinare le campagne di monitoraggio per gli effetti di sito a seguito di eventi sismici di forte magnitudo o...

The environmental characterization of Lake Vättern and the AUV test for the Clean Sea project

Marina Locritani, Cosmo Carmisciano, Federico Bruni & Michele Filippini
Clean Sea (Continuous Long-term Environmental and Asset iNtegrity monitoring at SEA) project [Gasparoni et al., 2013a] concerns the use of commercially AUV [Gasparoni et al., 2013b] with a modular interchangeable payload for environmental monitoring and inspection tasks around Eni oil & gas offshore infrastructures. The platform identified for the development of the project was SAAB Seaeye Sabertooth. The project defined peculiar hardware and software architecture, where the payload controller is separate from the AUV controller...

Potenziamento della Rete Sismica Nazionale in Sardegna: site selection nell’area della Foresta Demaniale Fiorentini, Bultei (SS)

Giovanni Battista Cimini & Paolo Casale
L’attuale copertura della Rete Sismica Nazionale (RSN) in Sardegna è costituita da quattro stazioni permanenti ubicate nella fascia orientale dell’isola che si affaccia sul mar Tirreno e da una stazione temporanea del progetto Sulcis [Anselmi et al., 2017] acquisita in tempo reale presso la sala operativa del nostro Istituto (Figura 1). Le stazioni permanenti sono installate nei comuni di Dorgali (DGI), Villasalto (VSL), Cagliari (CGL) e Aglientu (AGLI). Quest’ultima è entrata in funzione solo recentemente...

Upgrade del sistema di alimentazione delle stazioni sismiche/GPS e monitoraggio remoto dei parametri elettrici

Angelo Castagnozzi, Luigi Falco & Rocco Cogliano
La Rete Sismica Nazionale (RSN) è composta da circa 350 stazioni multiparametriche che vengono alimentate per la maggior parte mediante sistema di alimentazione ad isola in modo da garantire una piena autonomia dal punto di vista energetico. In questo rapporto tecnico si farà riferimento esclusivamente a questo tipo di sistema. Allo stato attuale non risulta esserci una configurazione omogenea dell’impianto elettrico presente sui siti di monitoraggio e spesso, durante I mesi invernali, si va incontro...

Management, visualization and comparison of multiple hazards and risk using free software: the ByMuR tool

Paolo Perfetti, Roberto Tonini, Jacopo Selva, Licia Faenza, Anita Grezio & Laura Sandri
Nowadays, risk assessment is an essential tool for risk management and risk mitigation policies since it provides an evaluation of the risk associated to a recognized threat that can cause harm or damage to humans, their structures or the environment. Risk results from the combination of three factors (UNDRO, 1982): Risk = Hazard x Exposure x Vulnerability. In this very general framework, the hazard is a measure of the likelihood of the expected size of...

Utilizzo della fotogrammetria SfM terrestre per il monitoraggio dei versanti: considerazioni sulle precisioni per applicazioni a lunga distanza

Arianna Pesci, Vanja Kastelic, Giordano Teza, Michele Matteo Cosimo Carafa, Pierfrancesco Burrato & Roberto Basili
La fotogrammetria digitale Structure-from-Motion (SfM) oggi è molto utilizzata poiché permette di ottenere modelli digitali completi e ad alta precisione con operazioni semplici tanto nella fase di misura, attuata mediante una normale fotocamera ed eventualmente basata su una rete di appoggio topografico, quanto in quella di analisi dati. Si tratta di una tecnologia versatile che risulta utile sia in ambito topografico/geomorfologico [Westoby et al., 2012], sia in ambito architettonico [Teza et al., 2016]. In questo...

Registration Year

  • 2021
    217

Resource Types

  • Text
    217

Affiliations

  • Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)
    217
  • University of Calabria (UniCAL)
    3
  • University of Catania (UniCT)
    3
  • Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
    3
  • University of Salerno (UniSA)
    1
  • University of Geneva
    1
  • Sapienza University of Rome (Uni Sapienza)
    1
  • Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)
    1
  • SASTRA University
    1
  • Malta University
    1